Di Minnie Luongo

La Fondazione Renata Quattropani Onlus nasce nel 2011 dalla volontà di Giovanna Ferrante di ricordare la madre Renata, mancata per la Leucemia Linfatica Cronica, infatti l’obiettivo iniziale della Ferrante è stato sostenere la ricerca clinica a favore della Leucemia Linfatica Cronica presso il reparto di Ematologia dell’Ospedale ‘Ca Granda di Niguarda di Milano.

Con Giovanna Ferrante, giornalista e scrittrice, insignita dell’Ambrogino d’Oro nel 2007, approfondiamo il significato di un importante servizio che ha preso il via los corso anno: Il medical coaching Medici.PP”.

Minnie Luongo: Presidente, parliamo di un sostegno all’umanizzazione di un paziente pnco-ematologico.

Giovanna Ferrante: “Proprio così. Vogliamo muoverci verso le persona in modo diverso, guardando oltre la sofferenza, al servizio di una ricverca più ampia, più profonda: quella ricerca di cui tutti noi comprendiamo il valore, ossia l’umanizzazione della cura che inizia da un’attenzione più mirata alle attenzioni.

ML: Nello specifico?

GF:“ Il servizio prevede per ciasciun malato una serie di 12 incontri collettivi, nell’arco di sei mesi. In alcuni è prevista anche la presenza dei famigliari (o di chi li assiste, il caregivers) e, nei sei mesi successivi, è possibile usufruire di un servizio individuale denominato coaching timeIl servizio offerto dalla Fondazione, gratuito, è esteso a tuti i pazienti onco-ematolgici cronici. Da evidenziare che il confronto con la malattia, soprattutto se cronica, può determinare stati emozionali difficili da gestire.

Depressione, rabbia, difficoltà ad accettare il propri stato sono solo alcune delle conseguenze emotive che si possono scatenare in un individuo cui viene diagnosticata una malattia cronica e che nesessitano di un affiancamento per essere superati. Nasce da qui la volontà della Fondazione Quattropani a promuovere e sostenere il primo ed innovativo servizio di medical coaching attivo in Italia. Uno strumento per gestire le difficoltà pratiche ed emotive della malattia cronica. Affrontare il percorso clinico con regolarità rispetto alle indicazioni terapeutiche, ma seza perdere di vista qualità e stile di vita, lavorando su motivazione al cambiamento, gestione dello stress, fiducia.

Le prime realtà ospedaliere coinvolte nel 2017 sono state l’IRCCS ‘Ca Granda Ospedale maggiore Policlinico di Milano e il San Paolo. Nel 2018 altre due importanti realtà ospedalieri milanesi, l’IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori e l’Ospedale San Raffaele, hanno accolto con entusiasmo tale servizio, al fine di ridare ai propri pazienti un tempo zero da cui ripartire per progettare una nuova e futura esistenza.

ML: Ricordiamo che cos’è la LLC.

GF: “La Leucemia Linfatica Cronica è una neoplasia ematologica dovita ad un’accumulo di linfoiti nel sangue, nel mifdollo osseo e negli organi linfatici. I linfociti, cellule del sistema imunitario che sorvegliano l’organismo e attivano le difese nei confronti di microoorganismi o cellule tumorali, si distinguono in B o T in base al tipo di risposta che sono in grado di attivare. Nella LLC uno di questio linfociti (perlopiù un linfocita B) subisce una trasformzione maligna e produce un clone linfocitario, cioè un insieme di un gran numero di cellule uguali tra loro che non rispondono più agli stimoli fisiologici e diventano immortali. Continuamo cosi a riprodursi e ad accumularsi nel sangue, nel midollo osseo, negli organi linfatici (linfonodi e milza) e, talvolta, anche in altri organi.

 

 

Scopri il nostro servizio gratuito di affiancamento e supporto dedicato ai pazienti onco-ematologici cronici:

 il primo Medical Coaching in italia

ISCRIVITI ORA

Con la nostra newsletter sarai sempre aggiornato sulle attività della Fondazione e sugli sviluppi della Ricerca. Umana.
Prima di registrarti prendi visione della nostra Privacy Policy.

Grazie!