Ricomincia il percorso Medici Pazienti Parenti, il primo servizio di Medical Coaching in Italia, dedicato ai pazienti affetti da patologie onco-ematologiche croniche. Quest’anno, all’ IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e all’IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano si è aggiunto un nuovo partner: l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

Il secondo percorso di 12 incontri di Group Coaching , dopo il progetto pilota Medici.Pazienti.Parenti. dello scorso anno,  è iniziato lunedì 4 giugno sempre presso l’Università Statale. L’incontro si è svolto dopo una breve introduzione in cui sono state illustrate le caratteristiche di un percorso di Medical Coaching.

Per Fondazione Quattropani, infatti, è molto importante far comprendere esattamente di cosa si tratta e cosa prevede un percorso di “Medici. Pazienti. Parenti.” e perché intraprendere questo “viaggio”. Premessa necessaria perché, di anno in anno, il ciclo di incontri si arricchisce di nuovi partecipanti che non sempre riescono a intervenire, per ricevere informazioni e dettagli, alle presentazioni effettuate nei mesi precedenti.

Ricomincia Medici Pazienti Parenti: il primo incontro

L’incontro è stato decisamente molto proficuo: ha infatti visto un’attiva partecipazione da parte dei presenti, tra i quali si è instaurata, fin da subito, una buona relazione. Sentirsi a proprio agio è, infatti, uno degli aspetti più importanti all’interno del programma di Medical Coaching,  così come l’ascolto e la comunicazione: ogni parere è importante e ogni parola è bene accetta!

Rispetto alla precedente edizione, i coach hanno inserito un nuovo strumento specifico, The Coaching Maps, che consente ai partecipanti di presentarsi al gruppo utilizzando stimoli metaforici per descrivere le proprie caratteristiche individuali a partire da specifiche immagini iconografiche.

In un percorso di Medical Coaching è di fondamentale importanza  il concetto di consapevolezza: con l’aumento della consapevolezza e lo sviluppo dei suoi punti di forza la persona sceglie e decide, in modo individuale e autonomo, di adottare nuovi comportamenti che possono migliorare la qualità della sua vita, permettendole di aderire meglio alla terapia e ai controlli. Grazie a una scelta più consapevole, che porta a una nuova assunzione di responsabilità e allo sviluppo della fiducia,  una persona arriva ad assumere un ruolo sempre più attivo nella gestione della sua salute anche nei momenti particolarmente critici e a raggiungere una qualità di vita migliore.

Ed è stato proprio su questo importante tassello che i nostri medical coach hanno lavorato nella seconda parte dell’incontro. Il medical coach, non dimentichiamolo, è un alleato della persona affetta da una patologia onco-ematologica cronica e la consapevolezza in questo caso riguarda il rapporto con la patologia e con la terapia, e quanto lo stesso può incidere sull’assunzione di responsabilità individuale e sullo sviluppo della motivazione intrinseca.

Questo primo incontro del percorso di Medical Coaching è stato il  passo iniziale verso un nuovo modo di riflettere sul proprio stato, per arrivare ad apprendere, anche insieme ai propri cari, l’incredibile potenza di una relazione efficace.

Medici.Pazienti.Parenti 2018

 

Scopri il primo servizio gratuito di affiancamento per pazienti onco-ematologici cronici: il Medical Coaching in italia

 

 

Medici Pazienti Parenti per il sostegno dei malati oncoematologici

ISCRIVITI ORA

Con la nostra newsletter sarai sempre aggiornato sulle attività della Fondazione e sugli sviluppi della Ricerca. Umana.
Prima di registrarti prendi visione della nostra Privacy Policy.

Grazie!