Dal 26 gennaio al 18 febbraio 2018 alla Triennale di Milano é possibile visitare New Perspective, la mostra per combattere leucemie, linfomi e mieloma.
Si tratta di un evento dedicato all’Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma, con il patrocinio del Comune di Milano, della SIE – Società Italiana di Ematologia e di REL Rete Ematologica Lombarda, della Fondazione GIMEMA onlus per la promozione e lo sviluppo della ricerca scientifica sulle malattie ematologiche, con l’egida dello European Myeloma Research Network, e il supporto di Takeda Italia, per informare e sensibilizzare alla lotta contro i tumori del sangue, con particolare attenzione al mieloma multiplo.

Tutti i proventi ricavati dalla vendita dei biglietti e del catalogo saranno infatti interamente devoluti a sostegno di progetti AIL destinati a pazienti affetti da mieloma multiplo. “New Perspective” è una mostra, curata da Denis Curti, che presenta installazioni, fotografie e video di 23 artisti le cui opere porteranno i visitatori a guardare la realtà, spesso difficile, da un’angolazione inedita.

 

“Un gruppo di artisti – afferma Denis Curti – dotati di un particolare sismografo interiore, riesce a svelare punti di vista inediti sul mondo accompagnandoci all’interno di uno sviluppo armonico capace di misurare una quantità umana senza peso specifico”.

La collettiva, grazie alla regìa curatoriale che segue un registro visivo ed emotivo, proporrà autori italiani appartenenti a quella “generazione di mezzo” nata nella seconda metà del secolo, che si troveranno per la prima volta a esporre tutti assieme.

Si potranno così ammirare le installazioni di Carola Bonfili, Letizia Cariello, Carlo Cossignani, Theo Drebbel, Manuel Felisi, Martino Genchi, Fabio Giampietro, Eva Marisaldi, Liliana Moro, Luca Pancrazzi, Lorenzo Vitturi, le fotografie di Silvia Camporesi, Lorenzo Cicconi Massi, Paola De Pietri, Maurizio Galimberti, Fabio Paleari, Marco Palmieri, Agnese Purgatorio, Paolo Ventura e i video di Olivo Barbieri, Paola Di Bello, Francesco Jodice, Masbedo.

“L’AIL – ha dichiarato il Professor Sergio Amadori, Professore Onorario di Ematologia Università Tor Vergata di Roma e Vice Presidente Nazionale AIL -, da sempre in prima fila nella lotta contro i tumori del sangue, grazie all’opera delle sue 81 Sezioni Provinciali, è grata ai promotori della mostra di arte contemporanea New Perspective e agli illustri artisti che vi partecipano, poiché essa ha l’obiettivo di sensibilizzare sul Mieloma Multiplo, affidando al ricchissimo linguaggio dell’arte il compito di offrire una nuova percezione (“new perspective”) della difficile realtà della malattia. Conferendo all’esperienza dei pazienti e dei loro familiari nuovi significati e presentando, al contempo, punti di vista inediti, nonché forieri di speranza, New Perspective, in accordo con la mission di AIL, pone al centro dell’attenzione il malato e le sue necessità, non dimenticando naturalmente il ruolo essenziale della Ricerca Scientifica nel raggiungimento dei traguardi futuri”.

Dal canto suo, Marco Vignetti, Vice Presidente Nazionale AIL e Direttore Centro Sperimentazioni Cliniche GIMEMA, comunità di clinici ematologi, nata con l’obiettivo di scambiare le esperienze dei singoli centri e di mettere a punto programmi di terapia comuni, al fine di curare i pazienti e raccogliere le informazioni indispensabili per migliorare i protocolli di cura, ha ricordato come “la ricerca indipendente ha, da sempre, rappresentato la controparte dell’industria farmaceutica. Gli straordinari passi avanti degli ultimi 10-15 anni portano ad abbandonare la classica contrapposizione tra “pubblico” e “privato” per progettare una stretta collaborazione tra industria e sistemi sanitari pubblici. Il tutto con l’obiettivo di rendere i progetti più vicini alle reali esigenze dei pazienti da un lato e dall’altro di controllarne i costi, che influenzano poi inevitabilmente il prezzo finale dei farmaci”.

ISCRIVITI ORA

Con la nostra newsletter sarai sempre aggiornato sulle attività della Fondazione e sugli sviluppi della Ricerca. Umana.

Grazie!