mamma-gatto-e-cucciolo

II parto è un evento fisiologico e nella maggioranza dei casi la gatta è in grado di portarlo a termine autonomamente; solo in alcune eventualità è necessario l’intervento umano per una felice conclusione.Durante gli ultimi giorni di gravidanza il comportamento della gatta cambia: gioca sempre meno e dorme di più, si guarda spesso il fianco, dove al tatto si possono percepire i movimenti dei cuccioli. Se la gatta non ha un luogo di riposo abituale adatto all’evento, è il momento di preparare un cesto od una scatola con morbidi stracci che verranno sostituiti dopo le nascite.

come-preparare-cuccia-per-parto

poppata-post-parto1                                             poppata-post-parto2

I segni dell’imminenza del parto non sono molto manifesti e costantemente presenti: si possono notare irrequietezza e preparazione del nido, unitamente ad un abbassamento della temperatura corporea ed alla sospensione dell’alimentazione. Alcune femmine si nascondono per partorire indisturbate, altre invece dimostrano di gradire la presenza del proprietario.

visita-gatto

Solitamente, dopo la fuoriuscita dei liquidi per la rottura delle membrane fetali, la gatta, aiutata da rapide contrazioni, espelle il primo cucciolo, a volte emettendo un acuto strillo che non si ripeterà per le nascite successive. La madre recide con i denti il cordone ombelicale e lecca vigorosamente il piccolo per stimolarne la respirazione. Può succedere che la gatta, specie se al primo parto, non si occupi del cucciolo; in questo caso bisogna intervenire prontamente liberando il gattino dalle membrane fetali, se ne è ancora avvolto, tagliare il cordone ombelicale alla lunghezza di circa 2cm e disinfettarlo; un energico e prolungato massaggio con uno straccio di lana aiuterà il neonato ad iniziare una respirazione autonoma ed efficiente. ln questi casi è il proprietario che deve intervenire, non c’è tempo di attendere il veterinario, come anche quando il cucciolo non riesce ad essere espulso completamente nonostante le contrazioni: bisognerà estrarlo delicatamente nel momento di un premito materno. Fra la nascita di un gattino ed il successivo passano da pochi minuti fino ad un’ora e anche più ed in genere il parto si conclude in 2-6 ore. Il numero medio di cuccioli è 4 mentre il numero massimo segnalato di gattini nati vivi e svezzati è di 14.

gattino-con-fiore

Articolo a cura di Achille Bigli

 

ISCRIVITI ORA

Con la nostra newsletter sarai sempre aggiornato sulle attività della Fondazione e sugli sviluppi della Ricerca. Umana.

Grazie!