Grandi novità in ambito ematologico sono recentemente state presentate e discusse durante la ventiduesima edizione dell’European Hermatology Association, svoltasi a Madrid tra il 22 e il 25 giugno 2017.

Che cos’è l’EHA

L’EHA, acronimo di European Hematology Association, è da sempre ritenuta l’associazione di ematologia più importante per quanto riguarda il panorama europeo e, come ogni anno, ha presentato grazie all’intervento dei professionisti più rinomati del settore, le ultime novità in ambito terapico.

Il Congresso è un appuntamento molto importante per gli addetti ai lavori poichè rappresenta un’occasione importante per presentare e discutere le ultime scoperte contro la lotta alle leucemie, linfomi, mielomi e sindromi mielodisplastiche.

Gli obiettivi del Congresso

Il Congresso annuale EHA persegue ogni anno obiettivi di tipo informative e divulgativo per gli insider del settore ematologico. Di fatto, è un forum, una vera e propria piazza, dove gli esponenti principali del settore si incontrano per presentare ai colleghi dati originali inediti e condividere con essi idee e progetti all’avanguardia per innovare il settore delle terapie in ambito ematologico. Oltre a ciò, il Congresso annual diventa un’occasione importante di diffusione di conoscenze basate sulle evidenze della rilevanza clinica primaria.

L’EHA rappresenta quindi un appuntamento fondamentale per gli ematologi che desiderano migliorare la propria conoscenza di nuovi approcci approcci basati sulla diagnosi e sul trattamento delle malattie ematologiche. Inoltre è fonte inestimabile di informazioni sugli ultimi risultati della ricerca clinica, sulle ultime tecniche innovative, sugli strumenti diagnostici e sulle strategie di valutazione dei rischi nell’ematologia e nelle sottoprogrammi.

Pharmastar ha dedicato un approfondimento al congresso EHA, realizzando un whitepaper di quasi 140 pagine scaricabile gratuitamente.

Inoltre, all’interno dello stesso documento, è possibile leggere interviste e commenti degli addetti ai lavori italiani che fanno il punto della situazione sulle conquiste più significative e all’avanguardia in campo ematologico.

Pin It on Pinterest

Share This